• SERVIZIO METEOROLOGICO MALDIVIANO (MMS)
    SERVIZIO METEOROLOGICO MALDIVIANO (MMS)
    Case history

SERVIZIO METEOROLOGICO MALDIVIANO (MMS)

Espansione della rete di monitoraggio meteorologico delle Maldive con 25 nuove stazioni meteorologiche e una centrale di controllo

ESIGENZE

Le Maldive, a causa della propria condizione geo-climatica, sono altamente vulnerabili ai disastri naturali, specialmente durante la stagione dei monsoni di sud-ovest, e i rischi sono evidenti nel profilo di vulnerabilità fisica e socio-economica del Paese. Gli eventi estremi, che includono inondazioni improvvise, periodi secchi prolungati, onde alte, mare mosso, cicloni, tornado e forti venti, cresceranno a causa dell'aumento della frequenza e dell'intensità dei cambiamenti climatici e avranno un impatto negativo su tutti i principali settori dell’economia nazionale.

Il progetto, che è parte di un programma di cooperazione fra i Ministeri dell’Ambiente di Italia e Maldive, serve a rafforzare la capacità di preallerta alla popolazione in caso di calamità naturali, riducendo al minimo i rischi associati agli eventi meteorologici estremi.

CARATTERISTICHE

A causa dei sempre più frequenti fenomeni estremi risulta di primaria importanza rafforzare il monitoraggio in tempo reale delle condizioni meteorologiche, creando una efficiente rete di stazioni che fungano da sistema di allerta (Early Warning System). Attraverso questa tecnologia moderna e tempestiva si riescono così a trasmettere alla popolazione le ultime informazioni disponibili sul clima e sulle eventuali calamità naturali, al fine di salvaguardare la popolazione e di ridurre al minimo i danni in caso di disastri ambientali. 

Lo scopo del progetto è quello di espandere la preesistente rete di monitoraggio meteorologico maldiviano real-time con nuove stazioni di raccolta dati, dislocate in zone remote del suddetto territorio, per poter così attuare una tempestiva azione di pre-allertamento e allertamento della popolazione in un’ottica di prevenzione delle catastrofi.

CAE, aggiudicataria di tale appalto, ha firmato il contratto il 4 Dicembre 2017, durante una cerimonia alla quale erano presenti il vice-presidente di CAE, Giancarlo Maria Pedrini, il ministro dell’Ambiente ed Energia Maldiviano Mr. Thoriq Ibrahim e il direttore Generale del servizio meteorologico Maldiviano Abdulla Wahid.

COMPOSIZIONE

Il progetto consiste nella fornitura chiavi in mano di 25 nuove stazioni meteorologiche, dislocate nelle varie isole e aeroporti di prossima realizzazione, a tecnologia MHAS, equipaggiate con Datalogger Mhaster open source, basati su sistema operativo Linux, pluviometri PMB25 per la misura dell’intensità e quantità di pioggia, THS per la misura della temperatura e umidità dell’aria, sensori di misura della direzione e velocità del vento, della pressione atmosferica, etc. Tramite il sistema di comunicazione GPRS ciascuna stazione invia in tempo reale i propri dati alla nuova centrale di controllo e gestione del sistema, ubicata presso la sede del servizio meteorologico maldiviano a Malè. L’installazione delle stazioni, dotate di alimentazione indipendente dalla rete elettrica, grazie a pannelli solari che ricaricano la batteria che le alimenta, riduce al massimo l’impatto ambientale e tiene conto delle esigenze della popolazione locale e delle problematiche di mancanza di spazio tipica di queste piccole isole. Inoltre, per poter visualizzare e analizzare i dati meteo, CAE ha messo a disposizione non solo i software residenti sul server e sulle workstation di nuova fornitura, ma anche strumenti per la gestione dei dati in mobilità, ovvero app per tablet e un sito internet.

Il progetto si è concluso con una specifica attività di formazione del personale del servizio meteorologico maldiviano, sia a campo che in aula sul funzionamento del sistema nella sua interezza e nelle sue singole componenti, sull’utilizzo dei software di gestione e visualizzazione dei dati presenti in centrale e sulle attività di manutenzione necessarie per preservare il funzionamento ottimale dell’intero sistema.